Main page
St. Tikhon's Orthodox University
Certificato di Registrazione Statale
 
Registrati
Hai dimenticato la Password?

Universita notizie
Una full immersion nella tradizione pedagogica italiana

Lo stage in Italia organizzato dall11 al 22 aprile per gli studenti della laurea magistrale Comunicazione nella cultura pedagogica religiosa aperta dalla Prof. S. Divnogortseva e per alcuni dottorandi della facoltà di pedagogia della nostra università, è stata una vera e propria full immersion nella tradizione pedagogica italiana, ed in partcolare nel metodo educativo di alcune grandi personalità dalle quali hanno preso vita le scuole e le opere visitate.

Lo stage è iniziato con alcune lezioni di storia della pedagogia italiana, tenute da Gabriella Mangiarotti Frugiuele, professore associato di Sociologia della Famiglia e Sociologia dei Processi Culturali allUniversità degli Studi del Molise e autrice di pubblicazioni sui temi dellinfanzia e delleducazione. La Prof. Frugiuele ha svolto in modo semplice e brillante un percorso della storia della pedagogia italiana, partendo dallantica Grecia e da Roma per arrivare ai nostri giorni. Le lezioni si sono svolte presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana che con la sua magnifica pinacoteca e gli antichi manoscritti custoditi al suo interno, ha introdotto gli studenti a una delle più luminose personalità e dei più grandi pedagoghi italiani del XVI secolo, San Carlo Borromeo.

La teoria è stata poi consolidata dalla pratica attraverso le visite guidate proposte. Il primo giorno si è visitato Portofranco, un centro diurno immaginato per aiutare ragazzi in età scolare che hanno difficoltà con lo studio. Il centro è totalmente gratuito grazie al coinvolgimento di volontari che sono in parte studenti universitari, in parte professori in pensione.

La prima scuola visitata è stata una scuola cattolica paritaria di Milano, il Sacro Cuore. Sebbene la scuola abbia unidentità religiosa, il compito principale dei docenti secondo la direttrice della scuola primaria è quello di far crescere una persona integralmente, di sviluppare la sua la capacità di conoscere la realtà a partire dalla propria esperienza. Una lezione molto rappresentativa da questo punto di vista è stata quella di geometria. È abbastanza improbabile che si possa trovare una scuola russa in cui la geometria venga insegnata in palestra... Qui linsegnante di matematica e di educazione fisica uniscono le loro conoscenze e competenze perché i bambini facciano propri concetti come quello di perimetro, area e volume che soprattutto a quelletà rimangono facilmente astratti. Dopo un lauto pranzo insieme ad alcuni docenti e al Presidente della scuola, gli studenti russi e la Prof. Divnogortseva hanno avuto la possibilità di porre allintero collegio docenti della scuola primaria - riunito per loccasione - tutte le domande nate dallosservazione delle lezioni.

Oltre al Sacro Cuore, sono state visitate altre due scuole cattoliche paritarie, La Traccia a Bergamo e le Orsoline a Como. Non è secondario ricordare che sia il Presidente della scuola Sacro Cuore, il professore e astrofisico Marco Bersanelli, sia il fondatore e rettore de La Traccia, Franco Nembrini, conoscono e stimano da tempo la nostra università e sono stati invitati negli ultimi anni a svolgere alcune lezioni per gli studenti di pedagogia. Inoltre a partire da gennaio del 2016 è iniziato un rapporto di scambio con la scuola Orsoline di Como dove tre studentesse della facoltà di pedagogia hanno svolto questanno uno stage di tre settimane.

Lultima opera visitata, che meriterebbe uno spazio a sé, è Cometa. Nata da due famiglie che qualche anno fa hanno deciso di prendere un figlio in affido, Cometa oggi comprende anche un centro diurno per bambini e ragazzi con difficoltà di apprendimento e una scuola professionale che vanta un buonissimo ristorante, una pasticceria e un bar dove i ragazzi vengono formati e avviati al lavoro. Il principio educativo che si deduce visitando Cometa è il ruolo della bellezza nel processo di apprendimento. La bellezza e la creatività dominano in un luogo come Cometa... come potrebbe essere altrimenti, visto che uno dei fondatori è designer!

Il programma dello stage in Italia non prevedeva però solo visite guidate e lezioni di pedagogia italiana. Per un ricercatore è importante non solo incontrare lesperienza di altre persone, ma anche condividere la propria. E questo è stato possibile grazie alla conferenza internazionale organizzata in collaborazione con la Facoltà Teologica di Milano, durante la prima settimana, e al seminario studentesco organizzato dallUniversità Cattolica di Brescia, e in particolare dal Prof. Malavasi e dalla Prof. Vischi.

In particolare i nostri studenti hanno avuto la possibilità di intervenire di fronte a un pubblico di professori e studenti di unaltra tradizione, ripercorrendo le tappe del pensiero pedagogico religioso in Russia dalle origini fino ai nostri giorni, e soffermandosi in particolare su alcune best practices. La collaborazione con lUniversità Cattolica di Brescia è iniziata due anni fa e sarà consolidata a settembre dalla visita del Prof. Malavasi con il quale si sta valutando lidea di far partire un progetto ERASMUS che consenta uno scambio sempre più stretto tra le nostre università.

Aggiungere link al materiale

Il codice HTML per il tuo sito o blog