Main page
St. Tikhon's Orthodox University
Certificato di Registrazione Statale
Registrati
Hai dimenticato la Password?

582 10 2013 , 29 2014 . 785

Universita notizie
Alcuni studenti della facoltà di filologia hanno fatto uno stage a Milano

Nel primo semestre 2017/2018 tre studentesse del terzo anno del dipartimento di filologia romanza hanno svolto uno stage di tre mesi presso lUniversità Cattolica di Milano.

Durante questo periodo le studentesse hanno potuto fare esperienza della vita degli studenti italiani: loro stesse hanno scelto e stabilito lorario delle lezioni, hanno preso parte a eventi e gite universitarie e hanno avuto la possibilità di comunicare con professori e studenti. E... ovviamente, hanno fatto pratica di italiano.

La convivenza in famiglie italiane è stata daiuto per una piena immersione nella lingua: le famiglie, oltre ad offrire gratuitamente vitto e alloggio alle studentesse, le hanno aiutate in diverse situazioni difficili, le hanno portate con loro in viaggio in giro per lItalia e semplicemente è nata unamicizia. Le tre studentesse raccontano qui la loro esperienza.

In questi tre mesi ho vissuto in una famiglia numerosa, che aveva 7 figli. Sono persone meravigliose! Grazie a loro questo lungo periodo allestero è diventato per me unesperienza eccezionale e positiva. Loro mi hanno aiutato a fare conoscenza con molti ragazzi in università e spesso organizzavano viaggi per tutta la famiglia in posti bellissimi. Il giorno che siamo andati al mare in Liguria me lo ricorderò per tutta la vita: là la natura è cosi sorprendente! Per quanto riguarda luniversità, allinizio è stato un po difficile capire come la vita studentesca fosse strutturata. Nel sistema italiano si dà molto peso al lavoro personale: la frequenza alle lezioni è assolutamente libera, non ci sono seminari o compiti a casa e ci sono aule enormi con 50-60 studenti. Ma dopo qualche settimana siamo riuscite ad adattarci e ad abituarci. In generale mi è piaciuto molto studiare alluniversità a Milano: le lezioni erano interessanti e dopo lezione andavo a studiare in biblioteca con gli amici italiani che mi aiutavano con piacere con l italiano e io li aiutavo col russo.

Ekaterina Dančuk

Nelle università russe siamo abituati a un elenco di materie chiaro e ben definito e al fatto che da settembre del nuovo anno accademico ogni gruppo ha un orario definitivo per tutta la settimana ecc.

Alluniversità di Milano chi fa uno stage può scegliere da sé non solo le materie, ma anche i professori con cui seguirà il corso che ha selezionato. Personalmente questa differenza del sistema universitario italiano rispetto al nostro è la cosa che mi è piaciuta di più. Allinizio questa libertà mi ha sbalordito e persino un po spaventata, ma poi ha cominciato a piacermi sempre di più. Oltre allo studio, sono riuscita a lasciarmi un po di tempo per visitare alcune delle più belle città dItalia. Ho visto Roma, Firenze, i famosi mosaici di Ravenna che da tempo sognavo di poter vedere. Sono riuscita a visitare la bellissima e inimitabile Venezia e perfino ad andare con la mia famiglia italiana in un week-end in Liguria, a vedere il freddo Mar Mediterraneo dinverno, le Cinque Terre. Durante il periodo di stage mi ha dato ospitalità una famiglia molto amichevole che non vive proprio a Milano... quindi dalluniversità ci mettevo circa unora con i mezzi pubblici, ma in compenso la famiglia creava per me tutte le condizioni perché nel tempo libero potessi studiare senza nessun tipo di disturbo o impiccio. Non lontano dalla loro casa cè un parco grande e bello, di quelli che non trovi a Milano e in cui ho fatto delle passeggiate allaria aperta fino a fine novembre. Loro mi hanno aiutata in tutto, con grande disponibilità mi spiegavano quello che non capivo, mi hanno fatto conoscere i loro amici e parenti grazie ai quali ho sempre avuto compagnia, mi invitavano spesso a casa e a degli incontri con dei ragazzi. Per noi sarà sempre bello ricordare questi tre mesi di stage a Milano, e siamo sempre pronte a condividere con tutti quelli che lo desiderano la nostra esperienza, le nostre sensazioni e racconti.

Veronika Fomenko

Aggiungere link al materiale

Il codice HTML per il tuo sito o blog