Main page
St. Tikhon's Orthodox University
Certificato di Registrazione Statale
Registrati
Hai dimenticato la Password?

582 10 2013 , 29 2014 . 785

Universita notizie
LUniversità San Tikhon in collaborazione con due grandi biblioteche, la Biblioteca Ambrosiana di Milano e la Biblioteca di Stato russa, ha allestito una mostra dal titolo Unepoca in miniatura
Tra il 24 e il 28 settembre 2018 con il sostegno del gruppo finanziario UBI Banca (Italia) nella sala Rumjancev della sezione manoscritti della Biblioteca di Stato russa e nella sede centrale dellUniversità San Tikhon si è tenuta una mostra interattiva dal titolo Unepoca in miniatura. Unantica eredità nei manoscritti del Rinascimento.
Tale mostra è stata organizzata nellambito del Festival della cultura del Rinascimento Unepoca in miniatura.

La cerimonia di apertura si è svolta nella casa Paškov, che è di proprietà della Biblioteca di Stato russa e che ha una rilevanza storica importante dal momento che si tratta del primo museo creato a Mosca. I partecipanti allevento sono stati accolti con parole di benvenuto da parte di Natalja Samojlenko, vice direttore generale della Biblioteca di Stato russa per le relazioni esterne e per lattività di esposizione. Alla cerimonia erano presenti, oltre al Prorettore per la ricerca scientifica, padre Konstantin Polskov e al Dottore della Biblioteca Ambrosiana, Mons. Francesco Braschi, anche il primo consigliere dellAmbasciata italiana a Mosca, il Dott. Walter Ferrara e il direttore della filiale di UBI Banca a Mosca, il Dott. Ferdinando Pelazzo. Tra gli ospiti era presente inoltre il Direttore dellIstituto italiano di cultura, la Dott.sa Olga Strada.

Si tratta fondamentalmente di unesposizione nuova, in quanto le moderne tecnologie digitali ci hanno permesso di mostrare i manoscritti della raccolta della Biblioteca di stato russa insieme alle perle della Biblioteca Ambrosiana. Questa storia straordinaria sarà importante sia per i ricercatori, sia per tutti coloro che sono interessati ad una delle epoche più floride della storia dellumanità: il Rinascimento ha sottolineato Natalja Samojlenko.


Alla mostra sono state presentate delle scansioni dei manoscritti illuminati dei fondi della Biblioteca Ambrosiana, relativi al Rinascimento italiano, come pure rarissimi manoscritti del XV-XVI secolo della sezione manoscritti della Biblioteca di Stato russa. Tra questi, le Satire di Giunio Giovenale e Persio Flacco (Roma, anno 1500 circa), il De Catilinae coniuratione di Gaio Sallustio Crispo (Italia, Venezia, fine del XV secolo), Il corbaccio o labirinto damore di Giovanni Boccaccio (Bologna, XV secolo). Le particolarità compositive dei manoscritti danno unidea dellarte libraria del Rinascimento e delle sue antiche tradizioni.
La Biblioteca Ambrosiana, religiosa e scientifica, fu istituita nel 1609. Il suo fondatore, il cardinale Federico Borromeo, raccolse una collezione di manoscritti e libri scritti nelle lingue di tutto il mondo. Era certo che per il proprio sviluppo e per la consapevolezza di sé fosse necessario leggere ed esaminare libri di altre culture ha raccontato il dottore della Biblioteca e Accademia Ambrosiana, Mons. Francesco Braschi. La nostra collezione attualmente comprende più di 40 mila manoscritti, disegni di artisti europei dal XIV al XIX secolo ed altri beni culturali.

Durante levento del Festival, durato cinque giorni e svoltosi presso la sede centrale dellUniversità San Tikhon, si sono organizzati concerti di musica antica e rinascimentale, lezioni aperte e una conferenza scientifica internazionale intitolata Unantica eredità nei manoscritti di Bisanzio e dellEuropa occidentale.
Al termine dellevento, nella Sobornaya palata si è tenuta la cerimonia di chiusura del festival Unepoca in miniatura e un concerto di musica italiana rinascimentale eseguito dal gruppo Cuori cantanti guidato da Aleksandr Gulin.


Aggiungere link al materiale

Il codice HTML per il tuo sito o blog