Main page
St. Tikhon's Orthodox University
Certificato di Registrazione Statale
Registrati
Hai dimenticato la Password?

582 10 2013 , 29 2014 . 785

Universita notizie
Dal 24 al 27 settembre gli insegnanti della facoltà di filosofia dellUniversità San Tikhon hanno preso parte alle Letture Shakespeariane 2018
A Mosca si sono svolte le tradizionali Letture Shakespeariane, la più importante conferenza in Russia dedicata alle opere e allepoca di Shakespeare.

Tale conferenza è stata istituita negli anni Settanta del secolo scorso dallo studioso di letteratura e teatro A. A. Anikst ed è proseguita sotto legida della Commissione Shakespeariana dellAccademia russa delle scienze (RAN) da lui costituita. Alla fine degli anni Novanta la commissione e la conferenza sono state rinnovate e attualmente il forum si raduna regolarmente, ogni due anni.

Negli ultimi anni (2014 e 2016), in cui ricorrevano gli anniversari della nascita e della morte di Shakespeare, la conferenza ha raggiunto il record di partecipanti, più di 100, provenienti da molte regioni russe e Paesi europei. Tra i partecipanti alle Letture Shakespeariane vi erano docenti universitari e studiosi accademici (filologi, storici, studiosi di teatro e musicologi, ecc.), registi di teatro, traduttori.

Ancora una volta ha preso parte allorganizzazione della conferenza il docente dellUniversità San Tikhon e membro della Commissione Shakespeariana dellAccademia russa delle scienze Vladimir Makarov. Questanno il dott. Makarov ha presentato alla conferenza alcuni progetti: in occasione della seduta plenaria del 24 settembre ha tenuto una relazione dal titolo: Shakespeare dopo il Bardo: contesto, complicazione, universalità. Come parte del team di ricerca inter-universitaria ha presentato i risultati del primo anno di studi sul corpus di traduzioni shakespeariane finanziate dalla Fondazione russa per le ricerche fondamentali.

Alla sessione Shakespeare e i suoi contemporanei: testi e interpretazioni del XVI-XVIII secolo ha tenuto una relazione dal titolo Limmagine del giardino nella drammaturgia shakespeariana e le sue origini medioevali anche l´insegnante della facoltà di filologia dellUniversità San Tikhon, Natalija Šipilova. La dott. Šipilova ha dimostrato che nellimmagine del giardino del detenuto, hortus conclusus si combinano elementi visuali e testuali, rimandi al racconto del giardino dellEden del Libro della Genesi e ad un frammento del Cantico dei Cantici, nonché la sostituzione protestante del culto della Vergine Maria con la venerazione della regina Elisabetta.

Tutti questi elementi, così come limmagine stessa del giardino possono essere ritrovati in una serie di opere di Shakespeare: Riccardo II, Romeo e Giulietta, Il racconto d´inverno e altre.
I video delle sessioni della conferenza sono disponibili sullomonimo canale su Youtube.

Aggiungere link al materiale

Il codice HTML per il tuo sito o blog